L’ARTE
DELL’ITERAZIONE
DIGITAL PUBLISHING
Portali verticali che si occupano di diffondere informazioni le cui attività ruotano attorno al loro focus. La materia del Digital Publishing si occupa proprio della gestione tecnica e operativa di questi portali d’informazione digitale.
Quando le informazioni mancano, le voci crescono
Alberto Moravia -Scrittore, giornalista
PERCHÈ IL Digital PUBLISHING È UN SETTORE IN CONTINUA CRESCITA E COSÌ INFLUENTE?
NEL 2018 È avvenuto il sorpasso: i contenuti di informazione presenti sul web sono stati letti più volte rispetto a quelli cartacei.

È comunque un mercato, quello dell’editoria, che dalla sua nascita ad oggi ha conosciuto grandi cambiamenti, ed altri ancora possiamo aspettarcene già nell’immediato futuro.

Quali saranno quindi i trend dell’editoria digitale che caratterizzeranno i prossimi anni e quali tecnologie coinvolgeranno?

 

Google e Amazon ci stanno abituando ad avere intorno a noi questi dispositivi che si attivano semplicemente parlando e che offrono una vasta gamma di funzionalità, come ad esempio quella di fornire un quadro delle condizioni meteo esterne non appena si aprono gli occhi al mattino, senza nemmeno scomodarsi a guardare fuori dalla finestra.

Il mondo degli assistenti vocali si configura sempre di più come uno dei nuovi canali a cui l’editoria online si deve rivolgere, con tanto di nuovi modelli pubblicitari tutti da sperimentare.

Anche l’intelligenza artificiale sta entrando sempre più a far parte della nostra quotidianità. Il mercato dell’editoria digitale ed i suoi contenuti non potevano certamente restare esclusi da questo trend. L’applicazione dell’intelligenza artificiale ai modelli di membership e paywall potrebbero addirittura ridisegnare le modalità di fruizione dei contenuti, mettendo l’utente al centro e analizzando i suoi comportamenti per fornire delle informazioni calibrate con precisione in base ai suoi interessi.

Anche questo aspetto non può essere trascurato: la maggior parte del traffico (si stima circa il 90%) viene generato da dispositivi mobile ed è in continua crescita. Nemmeno l’editoria digitale può stare a guardare senza adeguarsi, anche e soprattutto perchè ultimamente Google parte proprio dal mobile per indicizzare i contenuti presenti in rete. Il bacino dei fruitori di notizie da mobile, inoltre, è destinato a crescere ulteriormente, creando opportunità interessanti anche per il mondo dell’editoria online.