Scroll Top

AI con carattere: Musk alza il velo sul concorrente di ChatGPT "Grok"

L’impresa di intelligenza artificiale xAI di Elon Musk ha annunciato sabato un motore di intelligenza artificiale generativa chiamato Grok, che potrebbe essere un potenziale concorrente di leader del settore come ChatGPT, Bard e Claude.

“Grok è un’intelligenza artificiale modellata sulla Guida galattica per gli autostoppisti, in grado di rispondere a quasi tutto e, cosa ancora più difficile, di suggerire quali domande porre!”, ha scritto il team di xAI in un post online.

“Grok è progettato per rispondere alle domande con un po’ di arguzia e ha una vena ribelle, quindi per favore non usatelo se odiate l’umorismo!” hanno continuato.

“Un vantaggio unico e fondamentale di Grok è la conoscenza in tempo reale del mondo attraverso la piattaforma X [Twitter]”, hanno aggiunto. “Risponderà anche a domande piccanti che vengono rifiutate dalla maggior parte degli altri sistemi di intelligenza artificiale”.

Il team ha anche invitato gli utenti a iscriversi a una lista d’attesa per provare Grok durante un periodo di prova, anche se solo gli utenti verificati di X/Twitter possono partecipare alla prova.

Né il ribellismo né l’umorismo daranno probabilmente a Grok – parola coniata nel romanzo di fantascienza di Robert A. Heinlein “Stranger in a Strange Land” – un vantaggio rispetto ai leader affermati nel settore, ha sostenuto Greg Sterling, cofondatore di Near Media, un sito web di notizie, commenti e analisi.

“Se supera ChatGPT o se è in grado di fare cose utili che le altre IA non possono fare, determinerà se è competitiva”, ha detto a TechNewsWorld.

Un design “ribelle” o “umoristico” potrebbe essere un aspetto della strategia di branding e comunicazione di Grok, e il suo impatto sulla competitività dipenderebbe in larga misura dalle preferenze del mercato di riferimento e dal contesto specifico, ha osservato Mark N. Vena, presidente e analista principale di SmartTech Research, a San Jose, California.

“È importante considerare che il settore dell’IA è vario e comprende un’ampia gamma di applicazioni e casi d’uso”, ha dichiarato a TechNewsWorld. “Alcuni clienti potrebbero apprezzare un approccio più anticonvenzionale o umoristico, mentre altri potrebbero dare la priorità a fattori come affidabilità, prestazioni e sicurezza”.

“In definitiva, il successo di Grok dipenderà dalla sua capacità di fornire valore e di soddisfare efficacemente le esigenze dei clienti, indipendentemente dal suo approccio progettuale”, ha dichiarato Vena.

L’approccio ribelle e umoristico dei bot potrebbe trovare spazio in alcuni settori, ha osservato Joe Karasin, specialista di social media marketing presso Karasin PPC di Lapeer, Michigan. “Potrebbe anche essere una finestra su come l’IA possa essere più accessibile o accettabile per i consumatori”, ha dichiarato a TechNewsWorld.

“Mentre la comunità imprenditoriale è convinta dell’uso dell’IA, molti consumatori ne hanno paura e un approccio più favorevole ai consumatori potrebbe aiutare le aziende a rendere le loro soluzioni di IA più appetibili per i loro clienti”.

Rob Enderle, presidente e analista principale dell’Enderle Group, una società di servizi di consulenza di Bend, Ore, ha sottolineato i limiti dei chatbot ribelli e umoristici. “Le persone tendono ad apprezzare le cose che fanno ciò che vogliono”, ha dichiarato a TechNewsWorld. “Avere un’intelligenza artificiale che ogni tanto esce dai binari non sarà particolarmente utile”.

“Assicurarsi che ciò avvenga in modo divertente piuttosto che fastidioso sarà una danza interessante”, ha aggiunto.

“Come il gusto per il cibo o la moda, anche il senso dell’umorismo varia notevolmente da una persona o da una cultura all’altra”, ha aggiunto John Gallagher, vicepresidente di Viakoo Labs, un fornitore di servizi di cyber igiene IoT automatizzati, con sede a Mountain View, in California.

“In generale”, ha dichiarato a TechNewsWorld, “tentare di essere umoristici, stravaganti, ribelli o sprezzanti rischia di banalizzare la piattaforma e il suo valore per un’organizzazione”.

Rispondere a “domande piccanti” è un’altra caratteristica che difficilmente eleverà Grok al di sopra dei suoi concorrenti. “Molti degli accoliti dei broker tecnologici di Musk la apprezzeranno e potrebbe generare qualche polemica e copertura mediatica, ma non rappresenterà alcun tipo di vantaggio competitivo o di cambiamento di gioco”, ha detto Sterling.

“Chi stabilisce cosa è troppo piccante per essere presentato e a chi?”. Ha chiesto Gallagher. “Ci saranno delle linee guida adatte all’età, o diventerà un gioco libero per tutti che potenzialmente passerà informazioni dannose o distorte a persone o popolazioni vulnerabili?”.

“Ci sono molte ramificazioni negative se si sbaglia e pochissime ramificazioni positive se si fa bene”, ha affermato Vena.

L’implementazione di un approccio di intelligenza artificiale che fornisca “risposte piccanti” che non vengono tipicamente fornite dai chatbot tradizionali può essere sia coinvolgente che rischiosa, ha affermato Vena.

“L’aspetto positivo è che può migliorare l’esperienza dell’utente, la differenziazione del marchio e il valore dell’intrattenimento”, ha affermato Vena. “Tuttavia, può anche portare a risposte inappropriate o offensive, a fraintendimenti e a una mancanza di serietà in contesti in cui precisione e affidabilità sono fondamentali”.

“La disponibilità di Grok a rispondere a domande piccanti a cui altri chatbot AI non rispondono è una decisione coraggiosa”, ha aggiunto Joseph Thacker, ricercatore di sicurezza presso AppOmni, un fornitore di sicurezza SaaS, a San Francisco.

“Potrebbe rendere Grok più interessante e persino utile in determinate situazioni, ma potrebbe anche aprire problemi etici e legali”, ha continuato. “Ad esempio, se a Grok viene chiesto di fornire informazioni su attività illegali o argomenti sensibili, potrebbe potenzialmente causare danni”.

Sebbene il team di xAI abbia sottolineato l’uso dei dati di X/Twitter come una risorsa preziosa per costruire l’ampio modello linguistico di Grok, alcuni esperti si sono dimostrati scettici sul valore di questi dati.

“I dati di Twitter sono gravemente corrotti, quindi l’accuratezza di Grok sarà molto variabile”, ha affermato Enderle.

“Nei dati di Twitter c’è una grande varietà di conversazioni, ma metto in dubbio la conoscenza e la profondità informativa dei dati”, ha detto Sterling. “C’è anche molta disinformazione e propaganda, ne sono certo. Quindi la qualità complessiva potrebbe essere un problema”.

Vena ha osservato che l’utilizzo dei dati di X/Twitter presenta sia vantaggi che svantaggi. “Grok fornirà approfondimenti in tempo reale perché i dati di Twitter forniscono informazioni in tempo reale, rendendoli preziosi per rimanere aggiornati sulle tendenze attuali, sulle notizie e sul sentimento del pubblico”, ha affermato.

D’altra parte, ha osservato che i dati di Twitter possono essere rumorosi e parziali. “C’è anche il rischio di ambiguità contestuale, poiché il limite di caratteri di Twitter può portare a informazioni ambigue o incomplete, mettendo a dura prova la capacità dell’intelligenza artificiale di comprendere e rispondere con precisione”, ha osservato.

“Non dimentichiamo inoltre i problemi di qualità dei contenuti”, ha aggiunto, “poiché non tutti i contenuti di Twitter sono affidabili o di alta qualità, il che può influire sull’attendibilità degli insight da essi derivati”.

Grok è solo una parte di una strategia più ampia per Musk, sostiene Luke Richey, cofondatore e chief visionary officer di Gravity Jack, un’azienda di realtà aumentata e computer vision, a Spokane, Wash.

“Quello che Elon Musk sta facendo è muovere un centinaio di pezzi contemporaneamente”, ha detto a TechNewsWorld.

“Grok è solo un pezzo di un’operazione molto più grande”, ha continuato. “Chi non è d’accordo con i suoi piani guarda solo alla singola entità, non all’intero quadro”.

“Usa la sua retorica attuale per attirare l’attenzione su ciò che sta facendo”, ha detto. “Sta progettando un sistema operativo basato sull’intelligenza artificiale nel cielo. Farà funzionare le auto, il traffico e i sistemi finanziari su blockchain e su X. E questa è solo la prima fase”.

Post Correlati