Zuckerberg di Meta: "L'IA è forse la tecnologia di base più importante del nostro tempo"

Zuckerberg ha affermato che Meta creerà "un modello unico in grado di comprendere centinaia di lingue" e "un traduttore vocale universale" che offrirebbe una traduzione istantanea tra tutte le lingue.
Schermata 2022-03-14 alle 16.34.38

Il fondatore e amministratore delegato di Meta Properties, Mark Zuckerberg, mercoledì ha tenuto una presentazione a tutto tondo con il team del gruppo di intelligenza artificiale dell’azienda, incluso il pioniere del deep learning Yann LeCun, sull’argomento “Costruire per il metaverso con l’intelligenza artificiale”.

La presentazione è disponibile sulla pagina Facebook di AI Lab.

La proposta di AI Lab, visualizzata sulla sua home page di Facebook, è “Attraverso il potere dell’intelligenza artificiale, consentiremo un mondo in cui le persone possono condividere, creare e connettersi facilmente fisicamente e virtualmente, con chiunque, ovunque”.

Zuckerberg ha definito l’intelligenza artificiale “forse la tecnologia fondamentale più importante del nostro tempo”.

Zuckerberg ha affermato che la società sta svelando qualcosa chiamato “Project CAIRaoke”, che Zuckerberg ha descritto come “un modello neurale completamente end-to-end per la creazione di assistenti di dispositivo. Combina l’approccio alla base di BlenderBot con la più recente IA conversazionale per offrire migliori capacità di dialogo .”

Ha affermato che l’attenzione dell’azienda sull’intelligenza artificiale per The Metaverse consiste in due aree di ricerca sull’intelligenza artificiale “Percezione egocentrica” ​​e “una classe completamente nuova di modelli di intelligenza artificiale generativa”, come ha detto Zuckerberg.

Zuckerberg ha annunciato “nessuna lingua lasciata indietro”, il che si tradurrebbe in un “modello unico in grado di comprendere centinaia di lingue”.

Ha anche annunciato quello che ha definito “un traduttore vocale universale” che avrebbe offerto una traduzione istantanea. “L’intelligenza artificiale lo consegnerà nel corso della nostra vita”, ha affermato Zuckerberg.

La presentazione della giornata è stata incentrata sul tema dell ‘”apprendimento autocontrollato”, in cui una rete neurale viene sviluppata accumulando molti più dati senza etichette applicate con cura. Lecun ha spiegato a Eliza Strickland di IEEE Spectrum le virtù dell’apprendimento auto-supervisionato in un’e-mail scambiata pubblicata martedì.

Dopo l’introduzione di Zuckerberg, Jérôme Pesenti, il leader del team di intelligenza artificiale, ha spiegato che i modelli autocontrollati stanno sempre più recuperando il ritardo con l’addestramento delle reti neurali supervisionate, non solo nei modelli linguistici ma in aree come il riconoscimento delle immagini.

In un video preparato, il progetto CAIRaoke è stato presentato come un assistente intelligente più intelligente in grado di comprendere correttamente i comandi vocali. Il video ha sfruttato le insidie ​​comuni della tecnologia degli assistenti, ad esempio quando fraintende totalmente la richiesta pronunciata da un utente, che ha definito “livello 2”, o assistenti “meccanici” utili per “interazioni a scatto singolo”, ma non per “interazioni a più turni”.

Meta, ha detto la presentazione, produrrà assistenti “potenziati”.

Nell’ultima parte della presentazione della giornata, LeCun è stato raggiunto dal collega pioniere del deep learning, Yoshua Bengio, in una chat ospitata da Lex Fridman, per una discussione sul percorso verso “l’intelligenza a livello umano”.

Bengio ha affermato che “siamo ancora lontani dall’IA a livello umano”. Bengio ha osservato che gli esseri umani “attendono” a nuove situazioni e si prendono del tempo per ragionare su un problema. “Possiamo trarre ispirazione da come lo fanno i cervelli”, ha detto, inclusa “l’elaborazione cosciente”.

Bengio ha usato l’esempio di una persona che impara a guidare sul lato sinistro della strada per la prima volta quando visita Londra. Gran parte dell’apprendimento è reso possibile, ha affermato, dagli esseri umani che dispongono di molte informazioni coerenti e familiari e sono in grado di riqualificare le abitudini per adattarle agli elementi nuovi.

LeCun, pur concordando con Bengio sui problemi da affrontare, ha detto “Sono più concentrato sulle soluzioni”. Ha citato l’apprendimento umano e animale attraverso un piccolo numero di esempi. “Che tipo di apprendimento usano gli esseri umani e gli animali che non siamo in grado di riprodurre nelle macchine. Questa è la grande domanda che mi sto ponendo”, ha detto LeCun.

“Penso che ciò che manca sia la capacità degli esseri umani e degli animali di imparare come funziona il mondo, di avere un modello del mondo”, ha affermato LeCun. Ha fatto riferimento all’esempio di Bengio di guida a sinistra. “Le regole della fisica non cambiano”, come girare il volante di un’auto. “Come otteniamo macchine per imparare i modelli del mondo, come funziona il mondo, principalmente attraverso l’osservazione, per capire cose molto basilari sul mondo”.

“Il buon senso è una raccolta di modelli mondiali”, ha affermato LeCun.

Fonte: ZDNet

Post Correlati